Festival Adolfo Tanzi

Sabato 16 giugno alle ore 21, presso il Cortile d’Onore della Casa della Musica di Parma, il Coro Cristo Risorto tornerà ad esibirsi in occasione del XI Festival di cori Adolfo Tanzi.

16giugno.jpg

A soli 6 giorni dal concerto presso la Badia di Torrechiara, il nostro coro riproporrà i migliori brani del proprio repertorio, sempre grazie all’accompagnamento dalla viola di Kristina Vojnity e dal flauto di Alessandra Falzone.

 

La Rassegna

festivaltanzi13.jpgIl Festival di cori “Adolfo Tanzi” è giunto alla XI edizione ed è intitolato al compianto Maestro Adolfo Tanzi, importante direttore di coro della città di Parma.

È un’importante iniziativa che in questi anni è diventata un appuntamento tradizionale per il nostro territorio, una manifestazione unica nel suo genere per il territorio di Parma e che pertanto ha un grande seguito di pubblico e di critica, avendo anche ospitato cori di fama nazionale ed internazionale.

La rassegna è organizzata dall’Associazione culturale “San Benedetto” con la collaborazione e il sostegno dell’Istituzione Casa della Musica di Parma. Un particolare ringraziamento al Prosciuttificio “Bedogni Egidio” di Langhirano, che da anni sostiene il Festival.

 

La location

palazzoCusani.jpgPalazzo Cusani venne eretto nella seconda metà del XV secolo per volontà del ramo parmense della famiglia Cusani, originaria di Milano. Nel XVII secolo fu ceduto al Comune di Parma e divenne la sede delle Facoltà di Medicina e Giurisprudenza dell’Università di Parma. A quell’epoca risalgono le decorazioni pittoriche, in parte ancora visibili, che alternano scene allegoriche a stemmi araldici e a iscrizioni riferite ai docenti dell’Università.

ParmaPoesia-Festival-XII-Edizione.jpgNei secoli successivi il Palazzo mutò più volte di destinazione: Zecca dello Stato borbonico, Tribunale di Maria Luigia d’Austria, edificio scolastico nel XX secolo. Risale alla seconda metà del XVIII secolo il trasferimento nel chiostro del gruppo statuario “Ercole e Anteo” – realizzato nel 1687 dal fiammingo Theodor Van der Sturck – collocato in origine nel Giardino Ducale. Caduto in disuso negli anni Ottanta del Novecento, il Palazzo viene riaperto nel novembre del 2002 come sede della Casa della Musica.


Riferimenti: